Come maneggiare il furetto

I furetti, specialmente se acquistati giovani, sono generalmente docili e non creano problemi ad essere afferrati e maneggiati. Per sorreggerli con sicurezza possiamo passare una mano sotto al torace trattenendolo con le dita, e portare l’altra mano sotto agli arti posteriori sostenendo il corpo del furetto. Il furetto che morde può provocare ferite profonde perchè i denti sono taglienti ed aguzzi. Finchè non abbiamo impostato un rapporto di totale fiducia reciproca col nostro furetto è bene non avvicinarlo mai alla faccia perchè mosso da curiosità il furetto potrebbe morsicare per gioco il nostro naso.

Per immobilizzare temporaneamente il nostro furetto onde potergli tagliare le unghie, pulire le orecchie o somministrare una medicina, possiamo afferrarlo e tenerlo sospeso dalla collottola, cioè la cute tra le scapole e la nuca. Spesso con questa manualità vedremo sbadigliare il nostro furettino perchè esso, con i quattro arti sospesi, tende a rilassarsi; tanto più accetterà questo momento di immobilità se gli accarezzeremo l’addome con movimenti circolari della nostra mano o lisciandola dall’alto al basso.

Fra di loro i furetti, se allevati insieme da piccini, vanno serenamente d’accordo; invece servirà un’introduzione e familiarizzazione graduale se vorremo fare convivere due individui adulti o non sterilizzati.

Può convivere con il gatto o il cane di casa, con i quali ameranno interagire e giocare purchè il nostro cane o gatto non sia eccessivamente insofferente alle “avances” del furetto o persino aggressivo. Incompatibile purtroppo invece la convivenza con i roditori quali le cavie e i criceti o con i conigli, loro prede naturali. Dovremo anche fare attenzione a tenere lontani fuori portata e ben chiusi i pesci degli acquari, i rettili dei terrari e gli uccellini in gabbie con le sbarre sufficientemente strette da impedire al furetto di inserirvi il musetto o la testa. Il furetto potrebbe creare danni a sua insaputa poiché è un predatore e manifesta la sua attitudine alla caccia nei momenti di curiosità e giuoco.

Linee guida per la corretta gestione ed il benessere degli animali non convenzionali.  S.I.V.A.E.

Dott. Marco Gentile, Medico Veterinario, Albo 1622 Torino