Menta in salsa per carpaccio di pesce | VIRIDEA
Un intero mondo dedicato alla natura, al giardino, alla casa e agli animali, che cambia al mutare delle stagioni e si tinge dei colori più diversi.
Menta in salsa per carpaccio di pesce

Menta in salsa per carpaccio di pesce

Vi proponiamo questa ricetta a base di menta da abbinare ad un carpaccio di pesce.
L’uso della menta in cucina è assai diffuso per il suo sapore molto intenso e proprio per questo deve essere impiegata con molta moderazione. Si abbina molto bene a tutte le carni, al pesce, alle verdure estive e alle preparazioni a base di frutta come macedonie e dolci vari. Essiccata, con il suo aroma fresco viene usata anche per tisane e per aromatizzare the e altre bevande, nonché per preparare caramelle, gomme da masticare, sciroppi, drink (come il mojito) e molti liquori.
La menta (genere Mentha) è una pianta erbacea perenne fortemente aromatica che cresce in modo massiccio in tutta Europa, in Asia e in Africa e predilige sia le posizioni in pieno sole che la mezza ombra, ma può resistere anche a basse temperature.

Ingredienti:
4/6 limoni succosi
Zucchero
Sale
Pepe
Olio
Un bel ciuffo di menta

Preparazione:
Grattugiare la buccia di due limoni, quindi spremerli, unirvi quindi la buccia grattugiata, aggiungere un pizzico di sale, pepe e un poco di zucchero ma senza esagerare.
La salsa non deve essere dolce.
Mettere in un pentolino e far ridurre il tutto di almeno un terzo, quindi unirvi l’olio in misura pari alla metà della riduzione e aggiungere la menta tagliata a striscioline.
Fate raffreddare per mezz’ora e usatela per condire del carpaccio di tonno o spada.

Curiosità:
Secondo la leggenda, la menta prende il nome dalla ninfa Minthe o Myntha, amata da Plutone, che venne trasformata in pianta da Proserpina. In medicina ha funzioni di digestivo, stimolante delle funzioni gastriche, antisettico ed antispasmodico, tonificante. Secondo alcuni, sarebbe sconsigliabile assumerla di sera perché potrebbe causare disturbi del sonno. Inoltre (secondo le teorie degli omeopati) sarebbe da evitare nel caso si stia facendo una cura omeopatica perché ridurrebbe l’assorbimento dei farmaci omeopatici.

Fonte: Piùsapore