La melanzana | VIRIDEA
Un intero mondo dedicato alla natura, al giardino, alla casa e agli animali, che cambia al mutare delle stagioni e si tinge dei colori più diversi.
La melanzana

La melanzana

La melanzana è una pianta erbacea annuale con fusto che può raggiungere anche il metro e mezzo di altezza. Le sue foglie verdi e ovali sono di grandezza media; i piccioli sono robusti e violetti; i fiori invece sono di colore violetto e sono inseriti sul fusto singoli o a coppie.

Terreno
Si adatta ad ogni tipo di terreno, anche se preferisce quelli fertili, di medio impasto, ben drenati. Quando piantata in suoli argillosi è consigliabile il trapianto su baulatura, ovvero cuscini di terra rialzati. Necessita di esposizione al sole ma gradisce anche un ombreggiamento in piena estate.

Trapianto
In serra da febbraio, in campo aperto con protezione da fine marzo a fine aprile. E’ consigliabile una buona quantità di sostanza organica e un terriccio di buona qualità nella zona della radice. Se la radice fosse eccessivamente sviluppata può essere sfoltita strappandola con delicatezza con le mani nella zona esterna, lasciando intatto il pane di terra.

Cura
Se si tratta di trapianti molto precoci o di coltivazione in zone collinari, la pianta va protetta con agrovelo e va piantata su terreno coperto con pacciamatura.
Stesso discorso per i trapianti di maggio/giugno, quando per riparare la pianta da forti insolazioni, è consigliata la protezione con agrovelo per almeno 3 settimane.

Concime
Interrare un’importante quantità di sostanza organica due settimane prima del trapianto. Una volta trapiantata, fertilizzare ogni due settimane dando più importanza all’apporto di fosforo e azoto nelle prime fasi.

Frutti
Nel primo mese dal trapianto, è di consuetudine eliminare i primi frutti, in modo da far sviluppare le bacche solamente quando la pianta avrà preso forza e vigore.
Inoltre, per evitare un sovraccarico di stress per la pianta, non si lasciano mai più di 5-6 frutti.

Potatura
In accrescimento la pianta di melanzana tende a produrre rami interni alla chioma, che complicano la coltura e può anche portare alla perdita di fiori e frutti a causa di patologie fungine. E’ quindi consigliata un’attenta potatura per prevenire il problema.

Raccolta
I frutti di melanzana, una volta ottenuta la maturazione ideale, prendono un colore più opaco esternamente.

Varietà
Le diverse varietà di melanzana si differenziano sia in colore (dal bianco alle diverse sfumature nere e viola) e per una moltitudine di forme (da esemplari tondi ad altri più lunghi e stretti).
Tra gli esemplari possiamo trovare:

melanzana bianca claraBianca Clara

Varietà di melanzana dal ciclo medio-precoce, con frutti di discrete dimensioni, dal bellissimo colore bianco latte.
Rinomate le sue qualità culinarie, che ne fanno per gli amanti dei sapori delicati la melanzana più buona che esista.
Quando i frutti assumono sfumature giallastre sono già troppo maturi.ù

 

melanzana tonda nera serenaTonda nera Serena

È la varietà di melanzana tonda più ricercata del mercato per la sua bellezza, precocità e produzione elevata.
Frutti senza spine, di buona dimensione, dalla polpa consistente e carnosa con pochissimi semi, che la rendono perfetta per tutti gli usi; eccellente grigliata.
Molto facile la coltivazione in vaso sul balcone.

 

 

melanzana tonda violetta beatriceTonda violetta Beatrice

Varietà da sempre apprezzata dagli amatori per la sua altissima qualità. Dopo il taglio e la cottura la polpa non imbrunisce. Eccezionali qualità culinarie.
Gusto estremamente delicato.
Si consiglia di concimare abbondantemente e di eliminare i primi frutti prodotti quando sono ancora di piccole dimensioni.

 

melanzana lunga nera mirandaLunga nera Miranda

Varietà tipo riminese da sempre apprezzata dagli amatori per la sua precocità e per il suo bellissimo colore scuro brillante.
Frutti lunghi 25/27 cm, con produzione molto elevata e di ottima qualità anche nella produzione tardiva.