I trucchi per ottenere un orto generoso | VIRIDEA
Un intero mondo dedicato alla natura, al giardino, alla casa e agli animali, che cambia al mutare delle stagioni e si tinge dei colori più diversi.
I trucchi per ottenere un orto generoso

I trucchi per ottenere un orto generoso

I trucchi per un orto generoso? Per un orto generoso, semine e trapianti al momento giusto. Con l’arrivo delle notti ormai miti e delle giornate calde, l’orto trova il suo momento migliore a ciclo estivo, come pomodori, peperoni, melanzane, zucche e zucchine, angurie, meloni, cetrioli, fagioli, piselli e ogni tipo di lattuga. Per effettuare semine e trapianti per l’orto occorre attendere giornate che non prevedano pioggia o vento nelle ore successive. Effettuate la semina nell’orto e nei vasi in balcone seguendo la luna: pomodori, peperoni, basilico, cetriolo e rucola preferiscono i periodi di luna crescente; bietole, carote, lattughe e ravanelli si seminano con luna calante. Rispettate le distanze di semina consigliate sulla bustina: se le piante sono troppo fitte, si ammalano con maggiore facilità.

Chi ha poca esperienza, o poco tempo, trova una soluzione nell’acquisto delle piantine pronte, in vasetti o vaschette alveolari. Per il trasporto a casa, prendete qualche precauzione: le piantine non vanno lasciate a lungo nell’auto ferma sotto il sole, né esposte all’aperto al sole e al vento. Una volta giunti a casa, se non effettuate subito il trapianto ponete le pianticelle in una vaschetta con un velo d’acqua e fate in modo che la zolla di terriccio rimanga appena umida ma non fradicia. Non trapiantate pianticelle con la zolla del tutto secca: non attecchirebbe correttamente nello spazio dedicato all’orto.

In caso di giornate molto calde, dopo il trapianto nell’orto create un riparo provvisorio per i primi giorni, con un telo ombreggiante teso su picchetti; se avete effettuato il trapianto in vasi o cassette, teneteli all’ombra per due o tre giorni e spostateli al pieno sole con gradualità nell’arco di una settimana. Sistemate subito le bacchette o le reti che sosterranno la vegetazione durante la crescita. Innaffiate senza eccedere: il terreno intorno alle pianticelle deve restare sempre leggermente umido. Le prime concimazioni andranno fatte solo quando le pianticelle hanno cominciato ad emettere nuove foglie e germogli vigorosi.

Scegliamo di fare l’orto come cura antistress, perché ci regala una rinnovata fiducia in noi stessi, e passeremo più tempo all’aria aperta, evitando i rischi della vita sedentaria e praticando una benefica attività muscolare che aiuta a restare in forma e magari a perdere qualche chilo.

Orto, un gioco per tutti, anche per i piccoli