Fritillaria | VIRIDEA
Un intero mondo dedicato alla natura, al giardino, alla casa e agli animali, che cambia al mutare delle stagioni e si tinge dei colori più diversi.
Fritillaria

Fritillaria

La fritillaria è una delle bulbose più affascinanti: parente dei tulipani, si declina in specie e varietà molto diverse. La più nota e appariscente è la fritillaria imperiale (Fritillaria imperialis) che in primavera domina aiuole e bordure con i suoi steli alti fino a 150 cm, che portano una corona di appariscenti campanelle arancio o gialle. Deliziose sono le specie di piccola taglia, che fioriscono all’inizio della primavera con delicate campanelle bianche, gialle, violetto, porpora, marrone, come F. meleagris, con fiori maculati a quadretti, portati da steli alti 20-30 cm.

Utilizzi
L’imponente e vistosa fritillaria imperiale richiede spazio, può essere coltivata dietro ad altre bulbose di taglia più bassa. In vaso ha bisogno di un contenitore capiente e profondo. Le fritillarie più piccole e precoci, come F. meleagris, sono eccellenti nei giardini di aspetto naturalistico, dove si inselvatichiscono ai piedi di alberi, siepi e arbusti; si adattano bene alla vita in vaso.

Ambiente
Piante rustiche e facili, fioriscono bene nelle zone fresche e non temono il freddo che, anzi, è necessario d’inverno per stimolare la successiva fioritura, non appena le giornate si fanno più miti e soleggiate. Prediligono esposizioni in mezz’ombra.

Terreno
Come tutte le bulbose primaverili ha bisogno di terra ricca, ma soprattutto leggera e sciolta, con una percentuale di sabbia. Si può utilizzare il terriccio universale con una manciata di sabbia di fiume ben miscelata. I bulbi si mettono a dimora in autunno e si estraggono dalla terra a fine maggio per ripiantarli nell’ottobre successivo; in giardino e nei prati si possono lasciare in terra.

Acqua
Innaffiare bene durante la crescita, pochissimo dopo la fioritura, fino a sospendere quando le foglie ingialliscono: non lasciare che il terreno si inaridisca troppo in estate, in inverno non deve essere costantemente fradicio d’acqua, altrimenti i bulbi marciscono.

Concime
Non hanno bisogno di concime se il suolo è abbastanza fertile o coperto da manto erboso.

Note
Le fritillarie sono alleate in orti e prati: i loro bulbi emanano infatti nel terreno un odore che risulta repellente per le talpe.

Abbinamenti
Le fritillarie di piccola taglia si mescolano bene ad altre bulbose precoci come muscari e crochi.