Terriccio universale o specifico | VIRIDEA
Un intero mondo dedicato alla natura, al giardino, alla casa e agli animali, che cambia al mutare delle stagioni e si tinge dei colori più diversi.
** Facciamo il punto sui servizi attivi. **
Terriccio universale o specifico

Terriccio universale o specifico

Orientarsi nell’ampia gamma dell’offerta di terra o terriccio può non essere semplice. Si può optare per i terricci universali oppure scegliere quelli per piante fiorite per dare alloggio a gerani, petunie e tageti. Ma quando l’esemplare acquistato è molto specifico, per esempio un rododendro o un epifillo, è consigliabile il substrato appositamente preparato per queste categorie di piante, rispettivamente acidofile e grasse.

Adattare il terriccio
Cosa succede, invece, usando per un geranio, un’azalea o una pianta verde tropicale, un terriccio specifico per una categoria diversa? È un’evenienza che può capitare, se si possiede un residuo inutilizzato di substrato. In questo caso, è necessario che il terriccio sia ancora abbastanza umido (non fradicio) e conservi il suo tipico e gradevole odore di terra fresca di bosco. Inoltre, serve qualche accorgimento: un substrato per acidofile che viene impiegato in una fioriera di gerani, va reso più ricco e pesante con l’aggiunta di un po’ di terra da giardino, che possa apportare una componente argillosa; un terriccio universale va integrato con torba pura se è destinato ad accogliere, per esempio, azalee o felci, amanti del suolo leggero con pH decisamente acido. È, poi, indicata un’aggiunta di sabbia silicea nel caso di succulente, mentre le piante che amano il terreno calcareo (gigli bianchi, quasi tutte le rose, aromatiche come timo, lavanda e rosmarino) gradiscono un substrato più pesante e argilloso, con minore presenza di torba.
Aggiungendo invece normale terra da giardino, è consigliabile ripulirla bene dai residui vegetali e setacciarla o sbriciolarla con cura prima di miscelarla in un’ampia tinozza con il contenuto del sacco, anch’esso con le zolle grossolanamente sbriciolate.
Tutte queste operazioni, però, non sono sempre immediate da compiere, né semplici da ricordare. Per questi motivi risulta molto più facile acquistare il substrato specifico per le piante prescelte, senza lasciarsi tentare da soluzioni più economiche che non sempre valgono la fatica.
Per saperne di più: Piante, ben allevate e ben nutrite, Giardinaggio N° Marzo 2009
Foto: ©Giardinaggio