Tradescanzia

Pianta da appartamento tra le più facili, resistenti e tolleranti, la tradescanzia (Tradescantia fluminensis e molte altre specie e varietà e Zebrina pendula, una specie affine) è oggi disponibile in numerose varietà, una più bella e particolare dell’altra. Il nome comune di “erba miseria” fa riferimento alla mancanza di esigenze della pianta, che sopravvive a ogni genere di incuria (anche se non tutte le varietà presentano questa resistenza leggendaria). Erbacea perenne dal portamento prostrato e ricadente, ha fusti carnosi e foglie molto ornamentali, ovali o nastriformi, spesso solcate da variegature decorative. T. albiflora presenta molte cultivar con variegature bianche e rosa-porpora (es. “Tricolor”); T. blossfeldiana ha foglie verde scuro e porpora, anche variegate di crema (es. “Variegata”); T. fluminensis presenta fogliame con striature gialle o argentate (“Quicksilver”). Il valore estetico è dato soprattutto dal fogliame, ma la tradescanzia può produrre anche piccoli e graziosi fiori rosa-porpora o violetti, in primavera, riuniti in cime terminali.

Utilizzi
È un’ottima pianta d’appartamento, di grande versatilità: può essere allevata in vasi alti, in modo da formare una cascata, su colonne o mensole, in panieri da appendere… Può stare anche all’esterno su davanzali e balconi riparati e ombreggiati dove in estate cresce vigorosamente.

Ambiente
Cresce bene in luogo luminoso, ma sempre protetta dai raggi diretti del sole; tollera bene la mezz’ombra e anche l’ombra, dove però tende a perdere le variegature e ad allungare notevolmente lo spazio tra una foglia e l’altra lungo il fusto. In estate può stare all’aperto all’ombra. Sopporta senza problemi il caldo intenso; d’inverno resiste in esterni fino a 8 °C.

Terreno
Vuole un terriccio universale o per piante verdi. Si rinvasa ogni anno in aprile; le piante grandi sono difficili da rinvasare ed è sufficiente lasciarle con il terriccio inumidito e ben concimato.

Acqua
Pianta molto tollerante, resiste a brevi periodi di siccità, così come agli eccessi d’acqua. La condizione ideale per prosperare è disporre di un substrato sempre appena umido: bagnare due volte a settimana in estate con generosità, una in inverno per non far asciugare completamente il terriccio.

Concime
Da aprile a settembre si concima ogni 15-20 giorni con un prodotto liquido per piante verdi diluito nell’acqua d’irrigazione.

Note
Se la pianta dovesse deperire, basta prelevare i rametti in miglior stato e porli direttamente in terriccio universale misto a sabbia: radicheranno in pochi giorni.

Abbinamenti
Riempie rapidamente i vasi e non è quindi adatta a convivenze. Quelle con foglie variegate e colorate si adattano bene a completare una zona con altri vasi di piante a foglia verde.