Birdfeeding: come aiutare gli uccellini con l'arrivo del freddo | VIRIDEA
Un intero mondo dedicato alla natura, al giardino, alla casa e agli animali, che cambia al mutare delle stagioni e si tinge dei colori più diversi.
Birdfeeding: come aiutare gli uccellini con l’arrivo del freddo

Birdfeeding: come aiutare gli uccellini con l’arrivo del freddo

Con l’arrivo del freddo, gli uccellini hanno bisogno di riparo e nutrimento per sopravvivere fino alla primavera. L’aiuto dell’uomo può essere fondamentale in questo senso, grazie alla pratica del birdfeeding: ecco quindi tutti i consigli degli esperti Viridea per offrire aiuto ai volatili in difficoltà.

 

Scegliere la mangiatoia

Per individuare la mangiatoia più adatta, è importante fare attenzione alle specie che popolano i dintorni di casa: ogni tipologia di uccello ha infatti esigenze particolari di cui è bene tenere conto.

Ad esempio, per il cardellino e il verdone è consigliabile offrire un sostegno che simuli la biforcazione di un ramo, mentre per le cinciarelle e cinciallegre è preferibile un nido artificiale che offra una cavità simile a quelle naturali.

 

La giusta posizione

La mangiatoia va sempre posizionata in una zona ombreggiata e riparata dal vento, appesa a un albero o al balcone a circa 2 metri e mezzo da terra in modo che non sia raggiungibile dai gatti o topi.

Una buona idea può essere quella di sistemarla vicino a un cespuglio, nel quale gli uccellini possano facilmente nascondersi in caso di attacchi da parte dei predatori.

 

Come scegliere il mangime

Gli uccellini hanno bisogno di alimenti molto energetici e nutrienti per sopravvivere al rigore dell’inverno. Un’ottima soluzione sono le palle di grasso, e in generale tutti i mangimi che contengono oli naturali e grassi come strutto, frutta secca o burro d’arachidi.

Anche per il cibo è bene tenere conto di quali specie vivono nella zona, ognuna ha infatti le proprie esigenze: i granivori (es. passeri, cardellini, fringuelli) mangiano prevalentemente semi e granaglie; gli insettivori (es. merlo, usignolo, pettirosso, gazza) prediligono cibi ricchi di proteine di origine animale; i frugiveri (es. fringuelli e capinere) vanno in cerca di frutti e bacche.

 

L’importanza dell’acqua

È fondamentale ricordarsi di aggiungere sempre alla mangiatoia anche un contenitore con acqua fresca, che gli uccellini utilizzeranno per lavarsi e dissetarsi. L’acqua dovrebbe essere sostituita una volta al giorno, preferibilmente al mattino, per eliminare batteri ed eventuali formazioni di ghiaccio.

 

Maggiori consigli sulla pratica del birdfeeding e una selezione di prodotti sono disponibili sul sito Viridea.