Tisana di santoreggia e aneto | VIRIDEA
Un intero mondo dedicato alla natura, al giardino, alla casa e agli animali, che cambia al mutare delle stagioni e si tinge dei colori più diversi.
Tisana di santoreggia e aneto

Tisana di santoreggia e aneto

Ecco la ricetta per produrre in casa una tisana rinfrescante e digestiva sfruttando le aromatiche presenti in giardino: la santoreggia e l’aneto.

La santoreggia (Satureja hortensis) è un’erba aromatica dal profumo simile a quello del timo, originaria dell’Asia sud-occidentale e del bacino del Mediterraneo.
La santoreggia, conosciuta anche come erba di San Giulio, è molto utilizzata sia in cucina sia come pianta medicinale; in particolare, le sue foglie, fresche o essiccate, vengono usate per insaporire ripieni, marinate, aromi, legumi e per la fabbricazione di liquori e tisane.
L’aneto (Anethum graveolens ) è una pianta aromatica annuale, originaria del Medio Oriente (India e Persia), con un profumo che ricorda il finocchio e l’anice: di questa pianta si usano sia le foglie, formate da più foglioline filiformi disposte regolarmente, che i semi. Il suo olio essenziale ha caratteristiche aromatiche, rinfrescanti, digestive e antisettiche.

Ingredienti:
20 g santoreggia montana
20 g aneto
½ litro acqua bollente
Zucchero o miele

Preparazione:
Mettere in infusione la santoreggia mista ad aneto in ½ litro di acqua bollente e lasciar riposare 10/15 minuti, quindi filtrare e servire dolcificata con zucchero o miele.

Fonte: Piùsapore

SCARICA LA SCHEDA SULLE AROMATICHE