Tipi di rapaci allevabili per falconeria e loro gestione | VIRIDEA
Tipi di rapaci allevabili per falconeria e loro gestione

Tipi di rapaci allevabili per falconeria e loro gestione

Vi sono molti tipi di rapaci allevabili per uso di falconeria, differenti fra loro vuoi per dimensioni, come ad esempio i due estremi dei circa 100 grammi del gheppio americano e i più di 12 kg del condor; vuoi per abitudini diurne o notturne.

I rapaci possono appartenere a più famiglie:

  1. FALCONIDAE: in questa famiglia rientrano i più comuni falchi allevabili come il falco pellegrino (Falco peregrinus), il falco sacro (Falco cherrug), il girfalco (Falco rusticolus), il falco lodolaio (Falco subbuteo), il falco lanario (Falco biarmicus) ed il gheppio (Falco tinnunculus).
  2. ACCIPITRIDAE: comprendente l’aquila reale (Aquila chrysaetos), la poiana codarossa (Buteo jamaicensis), la poiana di Harris (Parabuteo unicinctus), l’astore (Accipiter gentilis) e lo sparviere (Accipiter nisus).
  3. PANDIONIDAE: comprendente il falco pescatore (Pandion haliaetus)
  4. STRIGIDAE: sono i rapaci notturni quali l’allocco (Strix aluco), l’assiolo (Otus scop), la civetta (Athena noctua) ed il gufo reale (Bubo bubo)
  5. TYTONIDAE: con il barbagianni (Tyto alba).

I rapaci suddetti da falconeria possono essere allevati a stretto contatto con l’uomo, ed oltre che nelle grandi voliere si possono tenere utilizzando strutture particolari che sono:

  1. Il blocco, cioè una struttura cilindrica con la parte superiore allargata, come in un fungo, su cui possa appoggiarsi il nostro rapace con entrambe le zampe e sulla quale possa muovere qualche passo ruotando su se stesso. Possiamo rivestire la superficie della base con erba sintetica e alla base del blocco collocheremo un anello al quale verrà collegata la longia del rapace. Al blocco vengono solitamente allevati i rapaci diurni come i falchi.
  2. La pertica curva, che è una struttura curva metallica infissa nel terreno per mezzo di puntali. Al centro della curva si allestirà un’ imbottitura su cui lo Sparviere, l’Aquila, la Poiana o i rapaci notturni possano appoggiarsi.
  3. La pertica alta, cioè letteralmente una pertica, un tronco, alta circa 1,5 m ed in legno. Tra la pertica ed il terreno si interpone del tessuto o vi si arrotola della corda di grosso calibro per consentire al rapace di arrampicarsi sino in cima qualora dovesse scendere dalla pertica.

Linee guida per la corretta gestione ed il benessere degli animali non convenzionali. S.I.V.A.E.

Dott. Marco Gentile Medico Veterinario Albo 1622 Torino