Tagliatelle al sugo di triglia e timo | VIRIDEA
Un intero mondo dedicato alla natura, al giardino, alla casa e agli animali, che cambia al mutare delle stagioni e si tinge dei colori più diversi.
Tagliatelle al sugo di triglia e timo

Tagliatelle al sugo di triglia e timo

Il timo (Thymus vulgaris L.) è un piccolo arbusto ramificato con piccole foglie grigio-verdi fortemente aromatiche, che vengono raccolte e fatte essiccare.
Si trova allo stato spontaneo nelle zone occidentali del Mediterraneo, e in Italia è presente su quasi tutto il territorio. Il timo viene usato in cucina per insaporire e rendere più digeribili molti cibi, come carni arrosto, sughi, verdure, funghi.
Viene usato anche per preparare liquori e vini aromatici. Numerose sono le sue qualità terapeutiche: digestive, depurative, balsamiche, tonico-stimolanti.

Ingredienti x 4 persone:
400/500 g di tagliatelle
4 triglie se grandi altrimenti 6/8 se piccole
1 spicchio d’aglio
4 pomodori maturi
4/5 foglie di insalata (quelle centrali più chiare)
1/2 bicchiere di vino bianco
Sale
Pepe
Olio
1 ciuffo di timo fresco

Preparazione:
Pulire le triglie squamandole bene e togliendo accuratamente le spine, mettere lo spicchio d’aglio in una padella con un filo d’olio e inclinarla cosi da farlo soffriggere, tagliare a cubetti le triglie e a strisce l’insalata.
Aggiungere il tutto nella padella dove l’aglio sarà appassito e non troppo colorato; quando si sarà asciugato, bagnare col vino bianco e far evaporare quasi completamente, togliere l’aglio e aggiungere i pomodori tagliati a cubetti, il timo e aggiustare di sale e pepe.
A cottura ultimata scolare le tagliatelle al dente e farle saltare nel sugo.

Curiosità
Il termine greco thymòs viene associato al significato di coraggio. Leggende narrano che i soldati della grande Roma si lavassero nell’acqua di timo per darsi vigore e acquisire forza d’animo. Le dame del Medioevo, ricamavano spighe di timo sulle insegne dei loro cavalieri.

Fonte: Piùsapore