Pesci facili da riprodurre

Pesci facili da riprodurre ce ne sono molti anche ma vi è una famiglia di pesci che, in special modo, è in grado di avvicinare tutti gli appassionati, anche i meno esperti, a questo affascinante istante: i Poecilidi.
Questi pesci sono di semplice allevamento, non richiedono particolari condizioni chimiche dell’acqua, hanno un dimorfismo sessuale evidente (i maschi presentano la pinna anale sempre molto appuntita) e ‘partoriscono’ avannotti già completamente autosufficienti: tutte queste caratteristiche consentono anche al neofita di ottenere innumerevoli riproduzioni.

Oltretutto, a questa famiglia, appartengono le specie più colorate e con pinne dai colori più sgargianti: i Platy dalle mille livree, i Portaspada, i Mollinesia (Black Molly, Orange Molly etc.), le Velifera e molti altri. Il più conosciuto, però, è senza alcuna ombra di dubbio il Guppy o Lebistes (Poecilia reticulata) detto anche Pesce Milione proprio per la sua alta prolificità.

I maschi, dalla lunghissime pinne, sono sempre attivi alla ricerca di una femmina con cui accoppiarsi. Le femmine, ogni mese circa, partoriscono dai 50 ai 100 piccoli pesci.
Quando il parto si avvicina sono particolarmente “grasse” ed al di sopra della pinna anale compare una vistosa macchia di colore scuro, se poi tendono ad isolarsi nascondendosi tra la vegetazione è arrivato il momento che aspettavamo!

Una ‘sala parto’ o una piccola vaschetta sono necessarie per poter isolare la femmina, poiché i giovani nati spesso sono preda degli altri ospiti dell’acquario. Un po’ di pazienza e potremo assistere in diretta alla nascita dei piccoli Guppy. Ai piccoli, per poter crescere in modo veloce e sano, sarà necessario somministrare uno specifico mangime per avannotti.
Se le condizioni ambientali sono corrette nel giro di un paio di mesi nuoterà nel nostro acquario un folto gruppo di Guppy.