Pappagalli della famiglia dei Loridi | VIRIDEA
Un intero mondo dedicato alla natura, al giardino, alla casa e agli animali, che cambia al mutare delle stagioni e si tinge dei colori più diversi.
** Facciamo il punto sui servizi attivi. **
Pappagalli della famiglia dei Loridi

Pappagalli della famiglia dei Loridi

I pappagalli, come tutti gli animali e le piante del mondo, sono stati classificati scientificamente dal naturalista svedese Carlo Linneo a metà del 1700. Egli può pertanto essere considerato il padre fondatore della sistematica moderna secondo la quale ogni essere vivente appartiene ad un Ordine tassonomico, in cui si differenziano Famiglie e nelle quali ogni soggetto è individuabile per Genere e Specie.

Nel Regno animale, alla enorme Classe degli Uccelli, appartiene il grande Ordine degli Psittaciformi (volgarmente intesi come pappagalli maggiori e pappagallini), in cui possiamo differenziare tre Famiglie: i Loridi, i Cacatuidi e gli Psittacidi.

Parliamo appunto dei LORIDI.

Questa famiglia comprende 54 specie fra Lori e Lorichetti, che vivono essenzialmente in Indonesia, Australia, isole del Pacifico e Nuova Guinea.

La principale caratteristica anatomica che li accomuna è quella di possedere una lingua “a spazzola”, ossia dotata di villi e filamenti sottili adatta a raccogliere il nettare dai fiori. Per questo motivo questi uccelli vengono anche chiamati “ nettarini”, in quanto si alimentano, in natura, press’a poco come i colibrì, di nettare e polline.

Anche allevati in casa i loridi dovranno essere nutriti con prodotti industriali simili al nettare, integrati con miele, germogli di cereali e frutta fresca. Purtroppo ciò provocherà la produzione di feci più liquide e quindi la voliera in cui alloggeranno i nostri amici dovrà avere una maggiore schermatura. Il piccolo inconveniente è tuttavia ampiamente ricompensato dalla loro socievolezza e dalla bellezza dei colori lussureggianti della loro livrea di piume e penne.

I loridi sono pappagalli molto socievoli e gregari ideali da allevare in voliera perché si riproducono anche con facilità. Tutti depongono 3- 4 volte all’ anno con covate di un paio di pulcini. Tra una covata e l’ altra il nido va svuotato e pulito, quindi si può riproporre alla nostra coppia, disponendo all’interno uno spesso strato di truciolo di legno. Ai Lori appartengono le calopsitte, i pappagalli del genere Eos, Lorius, Phigys, Pseudos e Vini.

Ai Lorichetti i generi: Glossopsitta, Trichoglossus, Oreopsittacus, Neopsittacus e Chermosyna.
Più comunemente troviamo da acquistare le calopsitte, il lori rosso ( genere Eos) ed il coloratissimo e simpatico lorichetto arcobaleno ( genere Trichoglossus).

 

Dott. Marco Gentile
Medico Veterinario
Albo 1622 Torino