Le soluzioni resilienti e virtuose per il lazy gardening | VIRIDEA
Un intero mondo dedicato alla natura, al giardino, alla casa e agli animali, che cambia al mutare delle stagioni e si tinge dei colori più diversi.
Le soluzioni resilienti e virtuose per il lazy gardening

Le soluzioni resilienti e virtuose per il lazy gardening

Nel cuore dell’estate il caldo e l’afa riducono drasticamente le energie: occorre orientarsi al lazy gardening, il “giardinaggio pigro”, una scelta di piante e di metodi che uniscono virtuosamente la scarsità di cure alla bellezza, al consumo di poca acqua e alla resilienza per affrontare al meglio il clima che cambia… Anche nell’orto!
Una “sana” pigrizia estiva è necessaria non solo perché con il caldo il nostro organismo reagisce con un risparmio di energie, ma anche per riposare il corpo e la mente, accumulando nuove forze per affrontare al meglio l’autunno che ora sembra ancora, per fortuna, lontanissimo. E quindi è bene pensare al lazy gardening, il giardinaggio pigro: un modo per affrontare la cura del verde unendo virtuosamente il rispetto per la natura con una drastica riduzione di impegno, sforzi, risorse psicofisiche. Il lazy gardening è un approccio che mira a minimizzare lavoro e consumi con una parola chiave: efficienza. Essere pigri nella cura del verde è solo un altro modo per dire che stiamo diventando più efficienti: meno tempo speso per i lavori “rompischiena” e più tempo per godersi lo spazio esterno senza rinunciare a ottenere fiori, frutti, ortaggi. Ecco alcune delle regole che aiutano a mettere in pratica questi principi, che in fin dei conti puntano soprattutto a rispettare la natura, i suoi ritmi, la sua biodiversità.

  1. In terrazzo e giardino, privilegiare le piante a bassa manutenzione e basso consumo idrico. Alcune, tra le tante, che sono in fiore anche quando l’estate è caldissima: ibisco, portulaca, plumbago, passiflora, bignonia, buddleja, gazania, dipladenia, solanum a fiori bianchi o lilla…
  2. Investire la cifra (modesta) necessaria per un buon impianto di irrigazione: perché consente di risparmiare lavoro e minimizzare i consumi idrici.
  3. Non sottovalutare l’importanza della pacciamatura (protezione del terreno con corteccia sminuzzata) anche per vasi e vasche in terrazzo. Se sotto la corteccia c’è un telo pacciamante, si riduce ulteriormente anche lo sviluppo di infestanti.
  4. Non accanirsi nel cercare un prato “perfetto”, delicato ed esigente; oltre ai tipi di prato rustici e poco delicati si può pensare a superfici verdi diverse (trifoglio nano, dicondra…)
  5. Utilizzare le piante aromatiche non solo per l’uso in cucina ma anche per la bellezza, il profumo, le scarse esigenze e l’enorme varietà disponibile. Del solo, comunissimo basilico ce ne sono tanti tipi, anche a foglia rossa o a portamento “a cuscino” come il basilico greco. I vantaggi? Le aromatiche resistono al caldo, chiedono poche attenzioni, attirano le api, profumano l’aria oltre che i piatti, sono utili per la salute e allontanano le zanzare!
  6. Creare fascino e bellezza con piante grasse come i vari tipi di cactus, le aloe, le agavi e tante altre, tra cui quelle che fioriscono in estate (come i vari tipi di mesembriantemo). Alcuni tipi di sedum e di semprevivi, che formano rosette elegantissime e fioriscono in estate, resistono bene anche al gelo intenso. Naturalmente, i vantaggi sono chiari: pochissima acqua, estetica chic e cure quasi zero.
  7. Orto estivo? Sì, ma con le verdure “pigre” che fanno quasi tutto da sole: pomodori ciliegino e datterino, zucche (anche quelle rampicanti, che danno frutti fino a ottobre-novembre), zucchine, peperoncini, bietole… E nel frattempo, piantare quelle che verranno pronte in autunno con minimo impegno: cavoli, rapanelli, porri, cipolle, aglio…Anche nell’orto, pacciamatura e impianto a goccia sono le chiavi per rimanere nell’approccio della pigrizia efficiente. Attenzione, le zucchine non devono essere bagnate sul fogliame: meglio scavare un solco intorno a ogni pianta e innaffiare al piede. Raccogliere prontamente le zucchine ormai quasi mature significa incentivare la pianta a produrne altre.
  8. Biodiversità: perché uno spazio verde ricco di natura, insetti e fauna selvatica si auto-aiuta a mantenersi costantemente vario, diverso nel fluire delle stagioni, capace di regalarci bellezza senza chiedere costanti attenzioni. Piante selvatiche come malva, achillea, cicoria, silene e tante altre si possono unire a fioriture estive perfette per chi ama la pigrizia: una per tutti, la lavanda, che regalerà il suo profumo mentre, stesi in un angolo all’ombra, aspettiamo che il sole tramonti per fare un bel barbecue.

Forse ti interessa anche…

Slow gardening: rallentare e osservare per stare meglio