Le rose in cucina: ottime e benefiche | VIRIDEA
Un intero mondo dedicato alla natura, al giardino, alla casa e agli animali, che cambia al mutare delle stagioni e si tinge dei colori più diversi.
Le rose in cucina: ottime e benefiche

Le rose in cucina: ottime e benefiche

Le virtù della rosa, regina dei fiori,sono tante anche in cucina e per la salute:

  • I petali hanno un sapore eccellente. Le rose più adatte sono quelle intensamente profumate, coltivate con metodi bio. I petali raccolti da fiori da poco sbocciati possono essere brinati, cristallizzati o canditi per decorare torte e dolci; sono invitanti protagonisti di gelatine e marmellate, mousse, budini e delicatissime torte; macerati, danno vita a ottimi elisir, rosoli e liquori. Possono essere incorporati a risotti, frittate, insalate. E per dare a una serata un tocco di classe, basta lasciarli galleggiare in ciotole colme d’acqua in cui sciacquarsi le mani, magari dopo una cena di pesce.
  • Per le gengive sensibili è utile il “miele rosato” con 20 parti di miele e 4 parti di petali di rosa profumata. Si coprono i petali a filo con acqua calda; dopo 24 ore si filtra e si strizzano i petali. Il liquido ottenuto si cuoce a bagnomaria con il miele finché l’acqua non è evaporata, senza far bollire. Si spalma sulle gengive all’occorrenza e si conserva in un vasetto di vetro scuro.
  • La rosa è una delle migliori alleate della pelle: le sostanze contenute nei suoi petali hanno virtù rigeneranti e antiossidanti. Preparate l’acqua di rose, ottimo tonico per il viso. Mettete 6 rose in 2 l d’acqua, aggiungete una carota e lasciate bollire per 30 minuti; filtrate e versate in una bottiglia. è eccellente per la pelle normale o grassa. L’acqua di rose, mescolata a miele e farina di avena, si utilizza anche per una maschera decongestionante che attenua i segni del tempo sul viso.
  • La tisana di bacche:  Le bacche di rosa canina sono ricche di vitamina C e hanno proprietà antinfiammatorie e antiossidanti.
  • Il vino alla rosa: Energizzante e digestivo, era apprezzato nell’antica Roma. Si ottiene facendo macerare le bacche di rosa in buon vino rosso.
  • La marmellata: Ottima sul pane e per farcire le torte, è anche un eccellente accompagnamento per un piatto di formaggi.

Vuoi leggere altri articoli come questo? Iscriviti al Club Viridea per avere accesso a tutti i nostri magazine!

Scopri il mondo delle ROSE

Tanti consigli su come coltivare le diverse tipologie di rose, su come poterle nel periodo corretto e difenderle dalle comuni avversità.