Le malattie degli ortaggi | VIRIDEA
Un intero mondo dedicato alla natura, al giardino, alla casa e agli animali, che cambia al mutare delle stagioni e si tinge dei colori più diversi.
Le malattie degli ortaggi

Le malattie degli ortaggi

Le malattie degli ortaggi sono uno degli aspetti più frustranti per un coltivatore amatoriale di ortaggi, che vede vanificati i propri sforzi anche nel breve giro di pochi giorni. Zucche, carote e cipolle, così gustose e croccanti… tutto sparito o in via di scomparsa per colpa di antagonisti perfidi e un po’ misteriosi. Eppure, i mezzi per prevenire o combattere insetti e funghi nocivi non sono pochi: occorre solo intervenire al momento opportuno e con gli strumenti corretti, senza confidare troppo in un’improbabile guarigione spontanea.
Le due principali categorie dei nemici degli ortaggi, pronti a distruggere mesi di sudato lavoro, sono purtroppo amplissime e qui potremo menzionarne solo una piccola parte.

Insetti
La cavolaia (Pieris brassicae) è la comune farfalla banca, così graziosa nei suoi voli primaverili, ma molto pericolosa per le crocifere, soprattutto i cavoli, le cui foglie vengono rosicchiate quasi completamente dalle larve verdi, presenti fino a ottobre. Intervenite con principi attivi a base di Bacillus thuringiensis o piretroidi. Gli afidi, verdi o bruni che siano, sono molteplici e pericolosi, specialmente per le leguminose (piselli, fagioli, fave, fagiolini): essi s’insediano in colonie anche fittissime su fusto e foglie, provocando un accartocciamento e soprattutto un indebolimento della pianta, sottraendole gli elementi nutritivi. Vanno combattuti con prodotti granulari, da sciogliere in acqua, contenenti i principi attivi pirimicarb o imidacloprid, ottimi anche per la lotta contro gli aleurodidi – o mosche bianche – che pure attaccano cavoli e altre piante da orto.. Uguale metodo di lotta vale anche contro gli afidi verdi che infestano le solanacee, in particolare le patate. Infine, sono molti anche i parassiti che vivono sotto terra o insetti terricoli: larve di maggiolini, nottue, nematodi ecc. Essi attaccano parecchie piante (pomodori, insalate, ecc.) rosicchiandole alla base e facendole disseccare: in tal caso, mescolate nel terreno prodotti a base di fipronil o diazinone (solo per patata e carota)

Malattie fungine
Non sono meno numerose e letali. Molto famosa è forse una crittogama, la peronospora del pomodoro (ma anche della patata e della melanzana), che attacca le parti aeree delle piante, formando marcescenze e disseccamenti. Il metodo di lotta consiste in primo luogo nella eliminazione delle parti infettate e poi nel trattamento con fungicidi a base di benzimidazolici o chlortalonil. Ancor più tristemente rinomato è poi l’oidio, o mal bianco, che oltre ad una lunga serie di piante da orto e da frutto (albicocco, pesco, nocciolo ecc.) colpisce tutte le cucurbitacee (zucchini, meloni, zucche, cetrioli…). Le loro foglie vengono ricoperte da una specie di feltro o polverina biancastra e poi a poco a poco si disseccano completamente. Sono necessari prodotti a base di dinitrofenoli, zolfo o triazoli. Infine, occorre ricordare gli effetti distruttivi della ruggine, una crittogamica che attacca cipolle, aglio, porri ed asparagi, formando dapprima delle macchioline arancio-nerastre sulle foglie e poi facendo deperire l’intera pianta. I fungicidi idonei sono i triazoli o quelli a base d’idrossido di rame.