Lavorare correttamente per evitare il mal di schiena | VIRIDEA
Un intero mondo dedicato alla natura, al giardino, alla casa e agli animali, che cambia al mutare delle stagioni e si tinge dei colori più diversi.
Lavorare correttamente per evitare il mal di schiena

Lavorare correttamente per evitare il mal di schiena

Muoversi bene per evitare il mal di schiena è doveroso sempre, ma nelle attività di giardinaggio, che non sono (quasi mai) quotidiane è ancora più importante assumere posture corrette e seguire qualche suggerimento.
• Prima di avviare una sessione di gardening un po’ faticosa è bene riscaldare i muscoli con qualche movimento di ginnastica dolce: piegamenti sulle gambe, rotazioni e flessioni del tronco in avanti con le mani alla nuca, movimenti alternati delle braccia verso l’alto.
Non lavorare troppo in fretta e non affaticarsi più del possibile per evitare anche incidenti dovuti alla stanchezza; è consigliabile pianificare e diluire i lavori faticosi nell’arco di più giorni
Per allungarsi meglio utilizzare una scala o un panchetto che consenta di recuperare qualche centimetro, evitando di restare a lungo con le braccia tese verso l’alto (es. per potare).
Utilizzare uno sgabello basso per lavorare al livello del suolo piegando la schiena il minimo indispensabile.
Sollevare i pesi utilizzando la forza delle gambe, piegando le ginocchia, e non la schiena.
Utilizzare ginocchiere o cuscini per evitare dolori alle rotule.
Utilizzando attrezzi a manico lungo, assumere una posizione idonea, con una gamba più avanti dell’altra, e sfruttare il movimento oscillatorio spostando il peso dalla gamba posteriore a quella anteriore.
Durante il lavoro è importante cambiare spesso posizione e non muoversi bruscamente.
Gli attrezzi devono essere leggeri, ergonomici, con manici antiscivolo e in perfetto stato (il che comporta un migliore affaticamento.
Al termine dei lavori faticosi o in posizioni difficili, con torsione del corpo o braccia tese, è bene fare un po’ di stretching che riequilibra l’elasticità muscolare.

Tutto chiaro? Al lavoro allora!

Leggi anche

La scelta degli attrezzi