La semina del prato: quando e come si fa | VIRIDEA
Un intero mondo dedicato alla natura, al giardino, alla casa e agli animali, che cambia al mutare delle stagioni e si tinge dei colori più diversi.
La semina del prato: quando e come si fa

La semina del prato: quando e come si fa

In autunno, con il terreno ancora caldo, i prati seminati diventano subito folti e compatti, anche grazie all’umidità atmosferica e la temperatura ormai fresca. In queste condizioni, la germinazione avviene solitamente entro 7-10 giorni e il prato richiede minor consumo idrico.

N.B. Evita di seminare il tuo prato in un periodo in cui sono previsti forti temporali! Gli acquazzoni creano le pozzanghere e di conseguenza i semi appena sparsi sul terreno si spostano e si perdono!

Come seminare il prato

  • Prepara il terreno prima della semina: un terreno ideale dev’essere lavorato e concimato con sostanza organica e successivamente rastrellato per eliminare eventuali sassi, zolle o resti di radici.
  • Distribuisci la semente in modo omogeneo senza esagerare con le quantità: in genere 20-30 g/mq per prato all’inglese di tipo pregiato e 10-20 g/mq per un calpestabile.
  • Utilizza un attrezzo spandisemi ed effettua un doppio passaggio incrociato. Otterrai una distribuzione uniforme e regolare.
  • Una volta completata la semina, rastrella leggermente per far penetrare i semi nel terreno, che successivamente dovrai compattare (con un rullo o con il badile).
  • Irriga a getto finissimo, più volte nei giorni successivi. Un telo in TNT sull’erba è utile per evitare che gli uccelli rubino i semi.

Le prime tosature

Quando l’erba del prato raggiunge i 7-8 cm di altezza, rulla la superficie per favorire l’assestamento delle radici. Qualche giorno più tardi l’erba dev’essere rasata a circa un terzo della sua altezza. Successivamente lo sfalcio va raccolto con cura per evitare che si formi il feltro, causa di asfissia delle radici. Suggeriamo tagli frequenti e regolari per favorire la formazione di una superficie compatta, riducendo la presenza di malerbe.

Come rigenerare il prato con la trasemina

La trasemina è un’operazione che consente di risanare i manti erbosi impoveriti. Va eseguita preferibilmente a metà autunno. Dopo aver rasato il prato e passato l’arieggiatore, per eliminare feltro e muschio, si distribuisce una semente del tipo da rigenerazione, si stende sulla superficie un po’ di terriccio e si passa il rullo. Irrigando regolarmente, la nuova erba germina nel giro di qualche giorno conferendo al prato un aspetto compatto.

Forse ti interessa anche…

La concimazione del prato