La coltivazione della zucca | VIRIDEA
Un intero mondo dedicato alla natura, al giardino, alla casa e agli animali, che cambia al mutare delle stagioni e si tinge dei colori più diversi.
La coltivazione della zucca

La coltivazione della zucca

La zucca è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Cucurbitacee. E’ un ortaggio tanto apprezzato anche nelle diete ipocaloriche e per i suoi benefici: combatte diabete e ipertensione; contrasta i radicali liberi; protegge il sistema circolatorio e contiene molti sali minerali.

Terreno
Considerando che è l’ortaggio più grande in natura, la zucca chiede molto spazio per la sua coltivazione: i suoi tralci possono raggiungere la lunghezza anche di 10 cm.
Il suo terreno dev’essere ben concimato e ricco di sostanze organiche e dev’essere morbido e ben drenato. Per la salute della pianta, bisogna fare attenzione agli scarafaggi che si nutrono di foglie e fiori e rimuovere le erbe infestanti.

Cura
La pianta della zucca va innaffiata di mattina e ogni volta che il terreno è asciutto. Evitate però di bagnare le foglie, o rischierete di dovervela vedere con il fungo “mal bianco” che col tempo uccide la pianta. Le dimensioni che la zucca raggiunge durante la crescita sono inversamente proporzionali alla quantità d’acqua di cui ha bisogno. Gli afidi, i parassiti che minacciano tante altre piante, sono una grande minaccia e vanno eliminati.

Temperatura
Va coltivata in periodo primaverile inoltrato, quando non c’è più il rischio di gelate, che fanno male alla pianta. Per assumere il loro tipico colore brillante hanno bisogno di molta luce e illuminazione. La sua coltivazione è favorita in climi miti, con temperature che si aggirano tra i 10 e i 20 gradi.

Semina
Dopo aver preparato a dovere il suolo, si dispongono 4-5 semi a profondità di non più di 4 cm, solitamente nel periodo di aprile-maggio. Quando cominciano a spuntare le prime piantine, eliminate quelle più deboli e in peggiori condizioni.

Raccolta
Con le cesoie liberatevi del picciolo, lasciando però qualche centimetro attaccato al frutto. Solitamente si comincia a raccogliere dal mese di settembre fino a novembre. Le zucche per la festa di Halloween in genere sono quelle coltivate in ritardo, più o meno a fine luglio. Possono essere raccolte quando la parte esterna è colorata di un arancione intenso, mentre picciolo e foglie iniziano a seccare. Se al tatto risulta ancora morbida significa che non è ancora pronta per essere raccolta e con tutta probabilità marcirà velocemente.

Varietà

zucca lunga butternutLunga Butternut o Violina

Buccia rugosa con costolature e la polpa di colore giallo-arancio dal sapore gradevolmente dolce.
Frutto a forma di pera, lungo 30/35 cm. del peso di circa 1 kg.
Si conserva a lungo mantenendo inalterate le sue qualità gustative.

 

 

 

zucca marina di chioggiaMarina di Chioggia 

Frutto grosso e schiacciato con buccia molto bitorzoluta di colore verde grigio.
Polpa giallo-arancio, dal sapore ottimo, consistente e priva di fibrosità.
Si presta benissimo ad essere cotta al forno.
Buona conservabilità.

 

 

zucca trombetta d'albengaTrombetta d’Albenga

Pianta a portamento strisciante.
Rampicante, frutto lungo e ricurvo con buccia liscia di colore nocciola che diventa chiaro a maturazione avvenuta.
Questa varità di zucca si consuma quando il frutto non è maturo ed è di colore verde chiaro. Superba per grigliati e pergole.

 

 

zucca tonda delicaTonda Delica

Ibrido a ciclo precoce con ottima conservabilità.
Frutto appiattito con buccia di colore verde scuro e polpa di colore giallo carico.
Di sapore decisamente dolce.
Frutti del peso di circa 1/1,5 kg.