Il Black Molly

Il nome scientifico latino del Black Molly, pesciolino per acquari di acqua dolce, è Poecilia latipinna, o anche Mollienisia latipinna dal quale, per abbreviazione deriva il nome con cui è comunemente riconosciuto, cioè Molly.

I pesci di acquario di questo genere e specie si chiamano “black ” poichè in commercio è comunemente presente la varietà melanica, cioè nera, dei latipinna, che in natura presentano invece una colorazione ancestrale chiara con qualche sfumatura verde ed alcune macchiette nere sul dorso.

Esiste un evidente dimorfismo sessuale perchè il maschio ha la pinna anale modificata in organo genitale per permettere la copula, detto tecnicamente gonopodio, e ha la pinna dorsale molto sviluppata in altezza e mantenuta eretta.

La riproduzione avviene con facilità e dalla cloaca della femmina, dopo un periodo di gestazione, escono i microscopici, ma già perfettamente formati nuovi pesciolini.

Il Black Molly è originario dell’ America Centrale dove frequenta gli estuari dei grandi fiumi prediligendo addirittura un’acqua salmastra e spingendosi persino in mare. Qualora nel nostro acquario fosse la sola specie allevata, potremmo, per migliorarne l’adattamento, aggiungere all’acqua della vasca un cucchiaino raso di sale da cucina (ioduro di sodio) ogni dieci litri di acqua dolce. Facciamo attenzione però al fatto che la percentuale di sale può danneggiare la maggioranza delle piante utilizzate in acquariologia.

Come detto, il colore più facile da reperire è quello nero, ma potremmo oggi trovare negozi forniti della varietà ancestrale chiara o di quella albina con livrea bianco-rosa perlaceo.

Questi pesci si alimentano, senza particolari esigenze, di cibo secco in scaglie contenenti una buona percentuale di vegetali.

L’acqua ottimale, oltre all’eventuale presenza del sale, vede una temperatura di 23- 27°C, e con una durezza abbastanza contenuta.

 

Dott. Marco Gentile
Medico Veterinario
Albo 1622 Torino