Gerbera jamesonii | VIRIDEA
Un intero mondo dedicato alla natura, al giardino, alla casa e agli animali, che cambia al mutare delle stagioni e si tinge dei colori più diversi.
Gerbera jamesonii

Gerbera jamesonii

La Gerbera jamesonii è un’erbacea perenne. La sua forma a margherita di grande dimensione, i colori accesi e la lunga durata fanno della gerbera una protagonista nel mondo dei fiori recisi per la realizzazione di bouquets e mazzi per tutte le occasioni, anche per le spose. I suoi bei fiori rimangono aperti per diversi giorni e nel frattempo si sviluppano i nuovi boccioli.
Gerbera jamesonii è la specie coltivata a scopo ornamentale, in numerosissime varietà a fiore semplice, doppio o “spider” (con petali appuntiti). Le gerbere prodotte oggi sono tutte di origine ibrida.

Viene chiamata anche “margherita del Transvaal” perché originaria di questa ampia zona del Sudafrica; è presente anche in altre aree dell’Africa meridionale.

FACILITA’ DI COLTIVAZIONE ♣♣♣♣♣
Pianta facilissima, in fiore per settimane, rifiorisce facilmente, indicata per i meno esperti. Dopo l’acquisto va rinvasata in un contenitore di poco più grande del precedente o in aiuole e bordure in giardino. Non ha bisogno di vasi profondi; un bel vaso o cassetta di altezza tra i 20 e i 30 cm può essere sufficiente.
Utilizzare un terriccio per piante da fiore o un terriccio universale di alta qualità. Non usare mai del terriccio proveniente da altre coltivazioni.

TEMPO NECESSARIO PER LA CURA ♣
Sufficiente innaffiare ogni 5-7 giorni in estate (ogni 10 giorni in inverno) e concimare ogni 8-10 giorni. Gli steli dei fiori appassiti vanno recisi tagliando il fusto alla base; si eliminano anche le foglie appassite. A fine fioritura togliere tutti gli steli che hanno portato fiori; la pianta va in riposo e a volte riemette qualche fiore dopo qualche settimana, se l’ambiente è molto luminoso e fresco e se viene concimata. La gerbera ha un fabbisogno nutritivo moderato, va concimata quando è in fiore ogni 12-15 giorni. Mai eccedere con la dose di concime: meglio poco che troppo, per evitare fenomeni di bruciatura delle foglie. Prima di concimare è bene inumidire il terriccio.

VALORE ESTETICO ♣♣♣♣
Molto decorativa per la bella fioritura dai colori vivaci, i fiori dai petali appuntiti si sviluppano sul fogliame piatto e senza spine. a gamma dei colori della gerbera è ampia e comprende anche tipologie bicolori o screziate. Non esiste nel suo patrimonio genetico il colore azzurro/blu, che viene ottenuto attraverso colorazione artificiale. Le piante sono di dimensione media o piccola, raramente più alte di 30-40 cm e larghe 30-40 cm; la pianta rimane compatta e poco ingombrante. Le gerbere coltivate come fiore reciso hanno steli molto più alti, per soddisfare l’esigenza delle composizioni in mazzo. Le corolle sono sempre piuttosto larghe e vistose. Il colore e la forma della gerbera sono ideali per dare vitalità al balcone; i fiori sono simili alle margherite ma molto più grandi.

Ambiente:
Per conservare a lungo i fiori è bene scegliere un luogo molto luminoso, con poco sole alla mattina o tardo pomeriggio. Richiede temperature di 15-20 °C (minima 12 °C), non teme il caldo se è in ombra. In casa può vivere bene se gli ambienti sono molto freschi e luminosi, lontano da fonti di calore.

Abbinamenti:
Fiore dal forte carattere, non è facile da abbinare; come fiore reciso si accosta bene a fiori piccoli quali la gissofila.

Problemi e rimedi:

  • Foglie con una patina biancastra: oidio (mal bianco), malattia fungina favorita dall’aria ferma e umida. Somministrare un fungicida e arieggiare meglio.
  • Pianta afflosciata con foglie molli e brune: poca luce e terriccio troppo bagnato, spostare in piena luce, togliere le parti più danneggiate e innaffiare solo quando il substrato è praticamente asciutto (ma non sempre si riprende dopo una crisi da ristagno idrico).

Curiosità: 

  • La gerbera, oggi protagonista del mercato internazionale, ha trovato interesse commerciale solo negli anni ‘60. Oggi viene prodotta anche in Italia sia per ottenere piante che per i fiori recisi, apprezzati per la lunga durata e la facilità di produzione in serra.
  • Il nome è in onore di due botanici, il tedesco Gerber e l’inglese Jameson che scoprirono e studiarono per primi la gerbera. In Africa è nota anche come Barberton daisy.
  • Nel linguaggio dei fiori è simbolo di successo e soddisfazione nella vita sentimentale, nello studio e nel lavoro.

Le varietà “spider” con petali appuntiti sono molto di moda e apprezzate anche per i bouquets da sposa. Le varietà a fiore doppio (pompon) sono molto belle ma più delicate.
I turisti che visitano i parchi sudafricani possono ammirare la gerbera allo stato naturale: il fiore è grande, con petali rossi allargati e appuntiti.