Drosera | VIRIDEA
Drosera

Drosera

Il genere Drosera appartiene alla famiglia delle Droseraceae e comprende circa 150 specie. Le dimensioni sono molto varie e si va da pochi millimetri a specie molto più grandi. In primavera spuntano i fiori che oltre ad essere decorativi portano una gran quantità di semi.

Tipo di trappola

Tutte le drosere sono dotate di trappole adesive: Le foglie sono ricoperte di molte ghiandole che secernono un nettare che, oltre ad attirare gli insetti li invischia impedendone la fuga. Alcune specie hanno foglie poco mobili altre di più ma generalmente questo movimento serve alla digestione più che alla cattura e consiste nell’arrotolamento della foglia intorno alla preda.

Ambiente

La Drosera è diffusa in tutto il mondo: dall’Alaska al sud della Nuova Zelanda ma hanno avuto origine in Australia (dove sono presenti il 50% delle specie attuali) e in Africa. Le specie più diffuse in commercio e più facili da coltivare sono quelle provenienti dal sud Africa e tollerano una temperatura compresa tra i 5° e i 38°.

Terra

Necessita di un substrato acido creato miscelando un terzo di perlite o sabbia non calcarea e due terzi di torba di sfagno. In commercio è possibile trovare dei terricci creati per le piante carnivore.

Acqua

Nel periodo caldo è necessario lasciare il vaso costantemente immerso in due centimetri di acqua non calcarea (l’ideale sarebbe raccogliere l’acqua piovana o al limite utilizzare quella distillata poiché i Sali minerali disciolti in quella del rubinetto sono letali) mentre in inverno è sufficiente mantenere la terra umida. La drosera predilige un clima umido ed è quindi meglio tenerla in luoghi con queste caratteristiche posizionandola, ad esempio, vicino ad altre piante oppure con un ampio sottovaso pieno d’acqua che, evaporando, rende umida l’aria

Luce

Questa pianta adora il pieno sole e sarebbe meglio posizionarla in una zona con questo tipo di esposizione a patto che sia riparata dalle correnti d’aria.

Concime

In natura vive in terreni molto poveri e non necessita quindi di concimazioni che, anzi, risultano particolarmente nocive. La Dionaea trae quei pochi Sali minerali di cui ha bisogno dagli insetti che cattura ma vive bene anche priva di insetti.

Curiosità

La Drosera, nonostante la linfa delle sue foglie possa in alcuni casi irritare la pelle, è utilizzata come rimedio per la tosse e le infezioni dell’apparato respiratorio; ha proprietà antispasmodiche e antisettiche ed espettoranti.
Per utilizzarla vanno raccolte le parti aeree che vengono fatte seccare o utilizzate tali e quali per la preparazione di infusi.
Il succo di questa pianta ha la capacità di far cagliare il latte.

SCOPRI LE PIANTE CARNIVORE

Scopri gli altri consigli sulle Piante Carnivore

Tutti i consigli di Viridea per prenderti cura delle piante carnivore.