Coltivare le piante grasse su davanzali e balconi | VIRIDEA
Un intero mondo dedicato alla natura, al giardino, alla casa e agli animali, che cambia al mutare delle stagioni e si tinge dei colori più diversi.
Coltivare le piante grasse su davanzali e balconi

Coltivare le piante grasse su davanzali e balconi

Le piante grasse coltivate su davanzali e balconi possono regalarci grandi soddisfazioni. Spesso infatti ci si trova di fronte a scelte obbligate riguardo agli spazi in cui poter coltivare le piante, ma che si tratti di un piccolo davanzale, di un giardino o di una grande serra, basta scegliere le specie più idonee. Disponendo di piccoli spazi è meglio orientarsi su esemplari di piccola taglia e mantenerli in composizioni, usando cassette di terracotta o plastica, piuttosto che i piccoli vasi con cui sono usualmente vendute, data la rapidità con cui si asciuga il poco substrato in essi contenuto.
Finestre e davanzali
Nei climi freddi alpini è consuetudine mantenere le succulente all’interno dei vetri delle finestre, appoggiate su apposite mensole per tutto l’anno. In tal senso, particolarmente utili sono i doppi vetri, anche se lo spazio presente nell’intercapedine consente l’impiego solo di vasi di modeste dimensioni. Per tale ragione è bene limitare la scelta delle piante da coltivare alle specie che a maturità non misurano più di una decina di centimetri di diametro: Mammillaria, Notocactus, Crassula ed Echeveria si adattano benissimo a tale situazione.
Le finestre da privilegiare sono quelle dei lati sud-est, che vengono colpite dai raggi solari dal mattino sino al pomeriggio: le piante, che assimilano meglio al mattino, saranno in posizione ottimale. Disponendo di un davanzale si può integrare la scelta delle piante con specie ricadenti (come Aporocactus, Hildewinteria, Sedum morganianum, Mesembryanthemum), impiegando robuste fioriere metalliche per evitare cadute accidentali.
Balconi e terrazzi
Nella bella stagione questi spazi sono ideali per le succulente, soprattutto se esposti a sud e scoperti. Sulla base delle loro dimensioni, è possibile mantenere le piante a terra o in fioriere fissate sul parapetto. Nei climi più miti e se lo spazio è sufficiente, si possono realizzare aiuole rocciose pensili, in cui gli esemplari sono interrati col loro vaso o, addirittura, in piena terra. In queste condizioni la presenza di un pergolato aiuta a proteggere le specie più sensibili dagli eccessi di sole durante i mesi estivi. Se le temperature invernali si abbassano sotto agli 0 °C, nei balconi o terrazzi è facile trovare lo spazio necessario per apposite serre da hobbistica, in cui far svernare le piante. Queste strutture hanno il vantaggio di proteggere gli esemplari dalle intemperie e dalle correnti gelide durante i mesi freddi e di essere – cosa da non sottovalutare – facilmente smontabili con l’arrivo della bella stagione.

Per saperne di più: a cura di A. Cattabriga, Piante grasse, riconoscimento e coltivazione, Giunti 2011