Alla scoperta della cavia peruviana | VIRIDEA
Un intero mondo dedicato alla natura, al giardino, alla casa e agli animali, che cambia al mutare delle stagioni e si tinge dei colori più diversi.
** Facciamo il punto sui servizi attivi. **
Alla scoperta della cavia peruviana

Alla scoperta della cavia peruviana

La cavia peruviana è un docile e poco esigente roditore che può anche rivelarsi un piacevole animale domestico. Timida e paurosa, soffre molto la solitudine; proprio per questo è ben disposta ad affezionarsi al proprio padrone. Se ben curata può raggiungere i cinque anni di età. Soffrendo la solitudine, il freddo e l’umidità, deve vivere in compagnia e la sua “casa” deve essere al riparo dalle correnti d’aria e dalla luce diretta del sole (soprattutto in estate). La dimora ideale è una gabbia di almeno 60 x 35 cm accessoriata con abbeveratoio, mangiatoia e portafieno.
Cosa mangia una cavia
Non è molto esigente nella scelta degli alimenti, e spetta quindi a noi regolare la sua dieta e renderla bilanciata.  Alimento base sono tutte quelle miscele o pellettati appositamente studiati per le cavie che si trovano normalmente in commercio; a questi vanno affiancati gli alimenti freschi ai quali bisognerà abituare gradualmente l’animale per evitare problemi digestivi.  Bisognerà tuttavia evitare tutti quelli troppo acquosi (lattughe, mele, pere,) mentre vanno benissimo crescione, trifoglio, carote, ecc. Un accenno importante riguarda la carenza di vitamina C che colpisce di frequente i simpatici roditori e che è integrata grazie all’introduzione nella dieta di agrumi e cicoria. Un altro elemento importante nella dieta deve essere il fieno che deve sempre essere lasciato a disposizione. Se si vorrà premiare l’animale si potranno utilizzare le varie leccornie a disposizione nei negozi specializzati.
Un animale da compagnia
Nei primi giorni sarà meglio lasciare la cavia tranquilla, disturbandola solo per somministrare il cibo e cambiare l’acqua. Dopo di che bisognerà abituare l’animale alla presenza umana avvicinandolo evitando i rumori forti ed i movimenti troppo bruschi. Un’arma eccezionale nell’addestramento è l’offerta di cibo gradito al quale pian piano affiancheremo piccole carezze.
Con il tempo la cavia riconoscerà la persona che si occupa di lei, sarà allora arrivato il momento di prenderla in braccio e di farle fare le prime esplorazioni al di fuori della gabbia. In questa occasione sarà molto utile insegnare all’animale un richiamo (utilizzando la solita somministrazione di leccornìe).
Come prendersi cura di una cavia
Un animale pulito è un animale sano! Sostituire tutta la lettiera (che può essere in truciolo, in tutolo di mais, in sabbia per roditori) ogni settimana e l’angolo usato per urinare una volta ogni due giorni eviterà il diffondersi per la casa di odori sgradevoli. Nella cavia, come in tutti i roditori, gli incisivi crescono continuamente ed è necessario fornire all’animale una pietra apposita che servirà per limare i denti e fornirà nel contempo un ottimo apporto minerale. La spazzolatura giornaliera, oltre che rendere più bello il pelo, servirà ad affiatare ancora di più il tenero rapporto cavia-padrone.

Scarica la nostra scheda dedicata alle cure della la cavia peruviana.