Il cane Shih-Tzu, simbolo imperiale

Il cane Shih-Tzu, simbolo imperiale: Insieme al Pechinese lo Shih-Tzu è il cane simbolo dell’antico Celeste Impero della Cina. Esso deriva dal cane Lhassa Apso del Tibet che anticamente i monaci buddisti avevano inviato come dono diplomatico alla corte dell’ imperatore cinese. A corte fu incrociato col Pechinese ed ebbe origine lo cosiddetto “ cane leone” come significa il nome “shih-tzu”. E vista la sacralità del leone, il nuovo cagnolino fu subito gradito e divenne simbolo dell’Impero. Il musetto del cane inoltre ha l’ aspetto di un fiore di crisantemo sbocciato, altro simbolo, il fiore d’oro, molto ben considerato in Estremo Oriente.

Dalla Cina soltanto nel 1930 i primi esemplari giunsero in Europa attraverso l’Inghilterra, dove il cane è stato selezionato e dove gli si è conferito uno standard di razza. Lo Shih-Tzu è un ottimo cane da compagnia, dal carattere vivace ed allegro, con un bel portamento fiero ma spiritoso al contempo, dal fisico robusto e resistente, versatile, molto affascinante per il suo carisma orientale ed esotico.

Lo standard impone un’ altezza di 27 cm al garrese, ed un peso massimo di 9-10 kg.

Il mantello sontuoso con abbondante e lungo pelo, abbondante collare, folta barba e mustacchi, la coda frangiata portata alta e gagliarda, le orecchie pelosissime che spariscono in un tutt’uno col pelo del corpo sono l’orgoglio e la magnificenza di questa razza. Per essere mantenuto nel suo splendore logicamente il mantello andrà quotidianamente spazzolato, e potrà essere lavato con shampoo delicato una volta ogni due mesi.

Gli occhi sono grandi e rotondi ed andranno tenuti puliti senza che le lacrime si incrostino sul pelo circostante.

Lo Shih-Tzu è insomma un perfetto compagno di salotto e di passeggiate sportive che richiede tuttavia un po’ di cura in toelettatura.

Dott. Marco Gentile, Medico Veterinario, Albo 1622 Torino