Calla | VIRIDEA
Un intero mondo dedicato alla natura, al giardino, alla casa e agli animali, che cambia al mutare delle stagioni e si tinge dei colori più diversi.
Calla

Calla

La calla (Zantedeschia aethiopica), elegante e scultorea,  è una pianta da fiore di grande bellezza sia in giardino che in vaso. I suoi fiori, che sbocciano a fine primavera e inizio estate, sono formati da una specie di foglia modificata, chiamata “spata”, lunga anche 20 cm, che avvolge a imbuto uno spadice giallo, ed emergono da un ciuffo di lunghe foglie verde intenso. La calla classica è alta fino a 1 metro, con fiore bianco, ma sono oggi disponibili numerosi ibridi in colori diversi, giallo, rosa, perfino porpora o verde. Robusta e vigorosa, non è difficile da coltivare. La specie nasce da rizoma, mentre gli ibridi si sviluppano da tuberi e sono commercializzati spesso già in fiore a primavera, come piante “a pronto effetto” e da regalo.

Utilizzi
Pianta di grande impatto, in giardino o in vaso rivendica un ruolo da protagonista. Si addice alle aiuole e, piantata in gruppetti, forma macchie di grande eleganza nelle bordure. Z. aethiopica, amante dell’umido, si addice anche alle rive dei laghetti. In vaso è una pianta molto elegante. Adatta a produrre fiori recisi, che durano a lungo in acqua.

Ambiente
Predilige posizioni al sole o in mezz’ombra luminosa: in mancanza di luce, tende a sbiadire e perdere rigoglio. Gradisce temperature notturne fresche, non ama il caldo arido. Non pienamente rustica, accetta temperature invernali fino a 10 °C; solo la specie classica, Z. aethiopica, sopravvive fino a 0 °C se in posizione protetta e se l’area intorno al fusto viene protetta con uno strato di foglie. In vaso la resistenza al freddo è minore (non meno di + 8 °C).

Terreno
Vegetano bene in un buon terriccio universale. La specie classica tollera anche suoli molto umidi, come le rive di uno stagno, mentre gli ibridi colorati necessitano di suolo umido ma con buon drenaggio.

Acqua
Il substrato si tiene appena umido fino alla comparsa dei germogli. Poi si innaffia in abbondanza per tutto il periodo vegetativo, senza mai lasciare asciugare il terreno; le piante in vaso di calla classica (Z. aethiopica) possono essere collocate in un portavaso con acqua sul fondo. Quando le foglie ingialliscono si diradano le innaffiature; in estate si sospende.

Concime
Quando compaiono i boccioli si comincia a concimare, con un fertilizzante liquido per piante da fiore, da fornire ogni 7-10 giorni fino al termine della fioritura.

Note
La calla più resistente e robusta è Z. aethiopica. Molto belle sono anche Z. elliottiana, dalle foglie con macchie argentate e fiore giallo; Z. rehmannii, più piccola (40 cm), con fiore rosa o rosso; Z. albo-maculata, alta 60-70 cm, dai fiori color crema con il cuore scuro.

Abbinamenti
In vaso stanno bene da sole; intorno al laghetto si prestano ad accostamenti con giunchi e altre piante da riva.