Alla scoperta del forest bathing, il benessere nei boschi autunnali | VIRIDEA
Un intero mondo dedicato alla natura, al giardino, alla casa e agli animali, che cambia al mutare delle stagioni e si tinge dei colori più diversi.
Alla scoperta del forest bathing, il benessere nei boschi autunnali

Alla scoperta del forest bathing, il benessere nei boschi autunnali

Prima che il freddo e il maltempo ci costringa a ridurre le uscite, è bene approfittare dell’autunno per una benefica immersione nella natura, che ricollega le nostre corde più profonde con i ritmi delle stagioni.

Immersione totale nella natura
È in questa logica che possiamo pensare a esperienze come il forest bathing, un vero e proprio “bagno nel bosco”, ossia un’immersione totale nella natura, nel silenzio, nella bellezza che possiamo toccare e abbracciare. Il “forest bathing” deriva dall’espressione giapponese Shinrin-yoku: è infatti di origine nipponica la pratica di immergersi fisicamente e mentalmente nella natura, nata addirittura come parte integrante di un programma sanitario nazionale, nell’ormai lontano 1982, per fronteggiare i disturbi legati allo stress e all’ansia che caratterizzano molta parte della frenetica popolazione giapponese. La connessione con la natura è infatti la chiave per ritrovare calma, equilibrio, lucidità e benessere.
Come praticare il forest bathing?
Non si tratta semplicemente di passeggiare o di fare un’escursione più o meno impegnativa: il forest bathing non è una pratica sportiva bensì una forma di apertura della propria mente alle sensazioni che il bosco e gli alberi possono regalare. Chi pratica yoga, meditazione o mindfullness è avvantaggiato nel riuscire a superare rapidamente le pressioni mentali quotidiane per creare questo link profondo con la natura. Chi, invece, si avvicina per la prima volta a questa esperienza, potrà scoprirne i benefici segnali anche solo assaporando l’atmosfera della foresta, camminando dolcemente e respirando l’aria resa profumata dal tappeto di foglie autunnali: presto si potrà sentire con chiarezza la connessione emozionale con il paesaggio naturale. Non è richiesto nessuno sforzo, è la natura stessa che, attraverso il puro piacere di godersi il bosco e gli alberi, porterà la mente e quindi anche il corpo a rilassarsi e sentire un benessere profondo. Naturalmente è importante sentirsi a proprio agio: scarpe comode che non temono il fango, abiti protettivi che non fanno sudare, uno zainetto con bevande e magari uno snack di frutta secca e, se la passeggiata è lunga, consapevolezza dei percorsi e delle distanze, senza mai superare le proprie capacità e conoscenze del territorio scelto per sperimentare questa appagante esperienza.
I boschi autunnali, una miniera di benessere
Naturalmente il forest bathing è possibile in tutte le stagioni ed è particolarmente suggestivo anche in inverno, ma l’autunno è forse la stagione più indicata per sentire con grande intensità il rapporto con le stagioni e trarne dei segnali importanti. Infatti, mentre cadono le foglie gli alberi preparano la stagione che verrà; ciò che cade a terra e che sembra non più utile è in realtà il “concime” che darà la vita alla nuova primavera. Il bosco autunnale è quindi davvero meraviglioso non solo per le spettacolari immagini dei colori, nel sole come nelle nebbie di stagione, ma anche per tutti i significati positivi che si possono percepire passeggiando. La pratica del forest bathing potrà essere assaporata da soli o in compagnia, ma rispettando comunque dei momenti di silenzio, per consentire a ciascuno una riconnessione profonda tra il proprio essere e la natura che ci accoglie.
Dove trovare i luoghi adatti per il forest bathing
La situazione ideale è quella di un bosco con grandi alberi, che si possono anche toccare e abbracciare: attraverso il tatto e la vicinanza, la forza della natura sembrerà davvero trasferirsi dentro di noi. Ma quanto questa situazione perfetta non è possibile, potremo trovare il benessere naturale anche passeggiando in un parco, soffermandoci a osservare tronchi e cortecce, raccogliendo le foglie più belle da conservare pressate in un libro. Spesso basta uscire dalla città per trovare aree naturali a portata di mano. E se non ci sono alberi? Anche la campagna offre l’opportunità di un “bagno” di natura: tutto sta nel porsi correttamente, affrontando l’esperienza con calma e concentrazione, osservando ogni più piccolo dettaglio della stagione che cambia. Chi ha un giardino potrà fare un piccolo ma prezioso forest bathing quotidiano, toccando e accarezzando gli alberi che vivono vicino a noi. Con il risultato di sentire, fisicamente e mentalmente, un benefico messaggio rilassante che ci consentirà di affrontare la vita quotidiana con rinnovata lucidità ed energia.

Forse ti interessa anche…

Urban forest in casa e ufficio: una giungla domestica che ci fa vivere meglio